Monumenti Nazionali - Casa di Francesco De Sanctis - Napoli

Monumento di Interesse Nazionale: Monumento all'Alpino - Brunico (BZ)

indietro
 
Indirizzo : Via Stuck, 39031 - Brunico (BZ)
Riferimenti:
Sito web:
Legge di istituzione: Decreto Legislativo 15 dicembre 1998, n. 488
 
Proprietà:
Descrizione Storico Artistica: il monumento si trova a Brunico (BZ) ed è stato voluto nel 1938 da Benito Mussolini per ricordare la Divisione Pusteria impiegata nella Guerra d'Etiopia del 1935-36. nel tempo è divenuto anche il monumento a ricordo dei tanti caduti nei vari scenari di guerra della Divisione Pusteria.
Nel 1943, dopo l'entrata delle truppe naziste in Alto Adige, il monumento fu abbattuto, per poi essere ricostruito nel 1951. Il 2 dicembre 1966 il monumento all'Alpino saltò in aria a causa di una carica di tritolo, con tutta probabilità ad opera dell'organizzazione terroristica Befreiungsausschuss Südtirol, che aveva lo scopo della secessione dell'Alto Adige dall'Italia e la riunificazione con il Tirolo e l'Austria. Per l'organizzazione il monumento rappresentava quindi un simbolo oppressivo per la popolazione locale, ovvero da eliminare. Una settimana dopo circa, fu ricostruito dagli Alpini di Brunico, ma la struttura fu subito considerata pericolante in quanto le infiltrazioni d'acqua avevano allargato le fessure della ricostruzione. I resti del monumento sono stati riassemblati e sono conservati all'interno della Caserma Cesare Battisti di Cuneo.
Il 30 giugno 1968 fu nuovamente ricostruito da alcuni volenterosi dell'ANA dell'"Alto Adige" di Bolzano, identico, ma in due blocchi. In tale occasione si tenne a Brunico il raduno triveneto degli Alpini. Fu nuovamente distrutto in un attentato nel 1979 dall'organizzazione terroristica Ein Tirol. Dopo quest'ultima distruzione, si salvarono solo parzialmente il busto e pochi altri cocci. Del monumento precedente si sarebbe perso quindi il significato originario ed esso si sarebbe tramutato in una forma di riconoscimento verso gli Alpini in generale. Dopo essere stato quindi danneggiato e ricostruito più volte, oggigiorno ne rimane solo il busto, su un basamento di elementi di porfido e pietra. Circa a metà settembre 2012 un altro atto vandalico è stato apportato al monumento, dove la penna d'alpino era stata staccata spezzata e poi rimontata. A dicembre 2012 il gruppo ANA di Brunico ha provveduto a sue spese (circa 4.000 euro) alla ricollocazione della penna sul cappello, ricavata da un maestro pusterese dalle macerie del mantello esploso nel settembre 1979, tuttora custoditi nella caserma "Verdone" di Varna. (fonte wikipedia)
 
Descrizione per il Visitatore:
 
Visita per :
Costi:
Indicazioni per la visita:
Tempo di visita /abbigliamento/varie:
 
Il Monumento e il territorio:
 
Fotogallery:
       
  Monumento Alpino - Brunico Monumento Alpino - Brunico  
       
    Copia del verbale manoscritto n° 76 24/05/1938 con lo stanziamento per inaugurare l'opera  

indietro