Monumento: Chiesa di Santa Maria Maddalena - Palermo

← indietro
 
Indirizzo : Corso Vittorio Emanuele, Palermo
Riferimenti: Non aperto al pubblico - per la visita chiedere alla Legione Carabinieri
Sito web: http://www.museodiocesanopa.it/chiese/
Legge di istituzione: Regio Decreto - 14 luglio 1891 - n. 462 - GU 187-1891
 
Proprietà:
Descrizione Storico Artistica: - Santa Maria Maddalena nel 1130 divenne titolare di una Cappella eretta a ridosso del fronte meridionale della Cattedrale in posizione simmetrica rispetto a quella settentrionale conosciuta come Cappella dell'Incoronazione. Il piccolo edificio sacro fu voluto dal sovrano normanno Ruggero II d'Altavilla (1095-1154) per accontentare la Regina consorte che apirava ad un mausoleo per le reali spoglie. L'ambizione dell'Arcivescovo Gualtiero Offamilio di ingrandire la Cattedrale di Palermo per farne magnifico monumento alla gloria del Re (ed alla sua) portò, previa autorizzazione di Guglielmo II il Buono (1153-1189), all'abbattimento della Cappella. Si decise al contempo di ovviare alle problematiche inerenti la tumulazione dei Principi che dipartivano, costruendo in gran fretta, nel 1187, una Cappella sul Cassaro (lato Monte Cuccio), distante un centinaio di metri dalla precedente, parimenti dedicata a Santa Maddalena. Nel 1382, la devota Congregazione di Santa Maria Maddalena ne ottenne la disponibilità per alcuni lustri. Passò succesivamente ad esponenti dell'aristocrazia quattrocentesca. Nel 1608 subentrarono, sotto il patrocinio del Vicerè De Villena, i Padri Francescani Osservanti che oltre ad iniziare la costruzione della loro Casa nell'area ad ovest di Porta Nuova si impegnarono - in ossequio al gusto dell'epoca - a stravolgere le linee architettoniche del Tempio arabo-normanno con un portale rinascimentale esterno (tuttora esistente) e modifiche stutturali interne, tra cui quelle degli archi ogivali divenuti centrici e l'edificazione di cappelle nelle navate laterali. Nel 1648, esigenze di difesa militare, con conseguente realizzazione di muraglie e Bastioni nel sito del Convento, costrinsero i religiosi a trasferirsi nel complesso dei Santi Cosma e Damiano (risalente al 1576) affacciato sull'attuale Piazza dei Beati Paoli. Dopo l'unità d'Italia, la ventata anticlericale portò a sottrarre la Chiesa al culto. Nel 1891, sventata la minaccia di abbattere l'edificio per acquisire nuovi spazi alle strutture militari, con Decreto Regio venne proclamato "Monumento Nazionale". Autorità illuminate ne decisero il ripristino, con ripulitura dalle sovrapposizioni settecentesche, ed affidarono i lavori all'insigne Architetto palermitano G. Patricolo. Nel 1948 divenne Tempio Votivo per i Carabinieri caduti eroicamente in guerra e in servizio. (fonte palermodintorni.blogspot.it)
 
Descrizione per il Visitatore: Chiusa al pubblico, per informazioni rivolgersi alla Legione Carabinieri.
 
Visita per :
Costi:
Indicazioni per la visita:
Tempo di visita /abbigliamento/varie:
 
Il Monumento e il territorio:
 
Fotogallery:
       

← indietro